Dal neuromarketing al biomarketing. Come le neuroscienze sono al servizio della comunicazione

Le nuove tecnologie digitali non invasive consentono misurazioni che permettono di tracciare e mappare le reazioni inconsce ai formati pubblicitari, ai percorsi di narrazione pubblicitaria, alle interfacce web e alle telefonate dei call center. Un mondo raccontato nell’ultimo libro di Giuliano Noci, docente di marketing della School of Management del Politecnico di Milano. Il biomarketing nasce dall’incontro di bioingegneria, biometria, design e informatica ed è l’applicazione delle neuroscienze alla comunicazione e alla persuasione.

LEGGI


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *